L’imposta di bollo sui conti correnti bancari e postali

L’imposta di bollo sui conti correnti bancari e postali

Tra le imposte patrimoniali ricorrenti, più o meno riconosciute come tali, si inscrive a pieno titolo l’imposta di bollo sui conti correnti e postali. istituita dal D.P.R. 642 del 72. E’ un prelievo applicato a tutti i rapporti finanziari, nella misura di 34,20 € annui per le persone fisiche e 100 € per aziende, sempre annui,. ripartita sulla scorta dell’invio della comunicazione obbligatoria banca – cliente, sia esse cartacea che virtuale, su estratti conto, rendiconti dei libretti di risparmio, comunicazioni periodiche di prodotti finanziari.

L’imposta in esame è stata oggetto di numerose proteste, l’ultima r evisione è stata subita con il D.L.211 del 2011 noto come Decreto Salva Italia, il quale prevede che la stessa non è dovuta quando il valore di giacenza risultante dagli estratti conto periodici o annuali è mediamente non superiore a 5.000 euro

L’esenzione è riconosciuta ovviamente per i conti correnti che registrano un saldo negativa ma anche dalla capacità reddituale del soggetto, infatti coloro che hanno un Isee inferiore a 7.500 euro all’anno sono esentati dall’applicazione dell’imposta. A tal fine è necessario produrre presso il proprio istituto di credito o in Posta la certificazione rilasciata dall’Inps che attesti il limite dei 7.500 euro affinché l’intermediario, che agisce come sostituto d’imposta, non trattenga l’importo annuale di euro 34,20.

#WalterTroisi

Se hai voglia di leggere altro,  ci sarà sicuramente qualcosa di interessante per te nell’indice. In ogni caso ti segnalo Imposte di successione, Imposta sul reddito di impresa, Capacità contributiva

Walter Troisi

Ritengo di essere una persona ordinariamente stravagante, sinceramente disponibile, buon ascoltatore, dispensatore di buoni consigli ma anche, e soprattutto, di … sorrisi, diplomatico quanto basta. Già lavoratore, ho intrapreso la carriera universitaria e proseguito sul doppio binario fino al conseguimento del Titolo Accademico. Laureato in Scienze Politiche indirizzo internazionale, ho discusso la tesi sulla “Liceità giuridica della detenzione delle armi nucleari”. Sono un eclettico professionista, le competenze acquisite spaziano dall’ambito assicurativo, sono stato Agente Generale per 10 anni, a quello finanziario, sono stato Promotore Finanziario per altrettanto tempo, fino ad approdare otto anni fa al settore fiscale. Sono altresì appassionato del contenzioso tributario. Mi piacciono i viaggi, le città piene di storia, di arte e di cultura, la cucina tipica e tradizionale ed ovviamente l’ottima musica.

Devi aver effettuato il login per pubblicare un commento.