Accettazione eredità col beneficio d’inventario

L’accettazione col beneficio d’inventario è un atto di volontaria giurisdizione con il quale l’erede, ai sensi dell’art. 484 del c.c., dichiara di accettare l’eredità evitando al tempo stesso la confusione del proprio patrimonio con quello del defunto.  Gli effetti, previsti dall’art. 490 del c.c , comporta che si ereditino tutti i crediti e che so

Maggiori informazioni

Come investire la propria liquidazione.

Il TFR è un compenso differito riconosciuto per legge al lavoratore alla cessazione del proprio rapporto di lavoro. è parte integrante del salario lordo di proprietà dello stesso, non immediatamente disponibile, e trattenuto dal datore di lavoro ovvero destinato ad un Fondo Pensione. Ciò premesso, con il pensionamento si disporrà sia di un reddito erogato

Maggiori informazioni

Bitcoin, la tassazione

Il Bitcoin nasce dall’invenzione di Satoshi Nakamoto, pseudonimo utilizzato appunto dall’inventore di questa moneta elettronica.
Il B. è la prima criptovaluta creata e commercializzata
E’ una moneta virtuale, ovvero che non viene stampata come la normale cartamoneta, ma che viene creata, distribuita e scambiata in maniera completamente virtuale, attraverso i computer, e con una tecnologia peer to peer.

Patrimonio familiare

Pur in presenza di validi successori, l’imprenditore di prima generazione rimanda il momento del passaggio generazionale.

Le motivazioni sono ascrivibili sia alla difficloltà ovvero alla inefficiente capacità di indiciduare puntualmente l’erede adatto, ricompensando adeguatamente gli altri successori, sia al rifiuto dell’idea che l’azienda non sia più sotto il proprio controllo.

In questa fase, la convivenza tra vecchia e nuova generazione si manifdesta nella sua complessità interessando contemporaneamente le relazioni aziendali e familiari.

Il Testamento

Il testamento è una dichiarazione scritta con la quale ciascuno può stabilire la sorte del proprio patrimonio dopo la sua morte.
In assenza di figli è opportuno indicare come deve essere ripartita l’eredità tra il coniuge e gli altri parenti, o comunque stabilire chi devono essere gli eredi.
Questo perché in mancanza di figli la legge prevede che solo una parte dell’eredità vada al coniuge, e il resto ai fratelli e sorelle.
Chi non è sposato e non ha figli, tramite il T. può scegliere i propri eredi in assoluta libertà.
Espressione della libertà di disporre del proprio patrimonio dopo la morte, permette di risolvere le situazioni in cui la successione legittima non soddisfa pienamente le esigenze … aziendali