Accettazione eredità col beneficio d’inventario

Accettazione eredità col beneficio d’inventario

L’accettazione col beneficio d’inventario è un atto di volontaria giurisdizione con il quale l’erede, ai sensi dell’art. 484 del c.c., dichiara di accettare l’eredità evitando al tempo stesso la confusione del proprio patrimonio con quello del defunto. 

Gli effetti, previsti dall’art. 490 del c.c , comporta che si ereditino tutti i crediti e che so possa riscuoterli mentre i debiti o i legati sono onorati e soddisfatti non oltre il valore del patrimonio ricevuto

La norma prevede che deve essere presentata una dichiarazione al notaio o a un cancelliere del Tribunale competente per la zona in cui si è aperta la successione.

Se presentata al Cancelliere verrà inscritta nel Registro delle Successioni che si trova nello stesso Tribunale, nel caso invece che ci si avvalga di un notaio è il professionista che si incarica di trasmettere gli atti al Tribunale.
Entro un mese il Cancelliere deve provvedere alla trascrizione della dichiarazione presso l’Ufficio dei Beni Immobili competente e tale trascrizione consente all’erede di pagare i creditori e di soddisfare i legati.
E’ obbligatorio redigere un inventario dei beni facenti parte dell’eredità, ciò può essere fatto prima o dopo l’accettazione.

Come funziona

Si deve:
fissare un appuntamento con il notaio o il cancelliere;

presentare il certificato di morte (ci si può anche avvalere dell’autocertificazione in caso di parentela  diretta o per il coniuge);

certificare la residenza del defunto (certificato di residenza storico)

presentare codice fiscale e carta d’identità sia del defunto sia degli eredi

rilasciare la propria volontà al Cancelliere del Tribunale

L’inventario

Prima o dopo aver reso la dichiarazione di accettazione beneficiata l’erede è tenuto alla compilazione dell’inventario, un’operazione contabile che permette di conoscere le attività e le passività che fanno parte del patrimonio ereditato e l’inventario deve essere redatto dal notaio o dal Cancelliere del Tribunale entro tre mesi dalla data in cui ha appreso di essere divenuto erede o da quando è stata aperta la successione.

Se l’erede non è in possesso dei beni del defunto diventa per lui difficoltoso poter redigere un inventario, quindi la legge prevede che abbia dieci anni di tempo per rendere la dichiarazione di accettazione con il beneficio di inventario.

Qualora, nel tempo, dovesse presentarsi la necessità di alienare o disporre dei beni caduti in successione è necessario presentare istanza al Giudice delle successioni,

Una volta redatto il documento vi sono quaranta giorni di tempo per l’erede per decidere se accettare o meno, qualora accetti egli diventa in pratica amministratore del patrimonio del defunto e si impegna ad amministrarlo nell’interesse suo e di quello dei creditori e dei legatari.
Una volta pagati i debiti e aver assolto ai legati l’erede è libero di disporre di quanto rimasto come meglio crede e non viene considerato responsabile per eventuali cifre che non siano state versate.

Si perde il diritto di accettare un’ eredità con il beneficio di inventario quando:

  • si sia provveduto alla vendita di beni facenti parte del patrimonio del de cuius senza autorizzazione;
  • si siano rese dichiarazioni infedeli per quel che riguarda la redazione dell’inventario;
  • si siano volutamente omesse alcune voci, infine
  • si omette di seguire in tutto in parte la procedura prevista dalla legge.

Costi:

  • 3 marche da bollo da 16€;
  • 1 marca da bollo da 11,54€;
  • marca da 11,54€ per il rilascio entro 5 giorni della copia dell’atto, da 32,62€ per il rilascio a vista.

Subito dopo l’atto, poi, bisogna effettuare il versamento per trascrizione da 294€ con il modello F23 da ritirare in Banca o presso gli Uffici Postali.

Per la redazione dell’inventario, inoltre, ci sarà da pagare un contributo unificato di 98€, nonché una marca da bollo da 27€.

  • Compenso del Professionista

Articoli inerenti Accettazione dell’eredità; Rinuncia all’eredità, Successione e il Testamento


Se hai voglia di leggere altro,  ci sarà sicuramente qualcosa di interessante per te nell’indice.

Walter Troisi

Ritengo di essere una persona ordinariamente stravagante, sinceramente disponibile, buon ascoltatore, dispensatore di buoni consigli ma anche, e soprattutto, di … sorrisi, diplomatico quanto basta. Già lavoratore, ho intrapreso la carriera universitaria e proseguito sul doppio binario fino al conseguimento del Titolo Accademico. Laureato in Scienze Politiche indirizzo internazionale, ho discusso la tesi sulla “Liceità giuridica della detenzione delle armi nucleari”. Sono un eclettico professionista, le competenze acquisite spaziano dall’ambito assicurativo, sono stato Agente Generale per 10 anni, a quello finanziario, sono stato Promotore Finanziario per altrettanto tempo, fino ad approdare otto anni fa al settore fiscale. Sono altresì appassionato del contenzioso tributario. Mi piacciono i viaggi, le città piene di storia, di arte e di cultura, la cucina tipica e tradizionale ed ovviamente l’ottima musica.

Devi aver effettuato il login per pubblicare un commento.